Archivio mensile:Gennaio 2010

A Faenza una doppia fiera dedicata al mondo dell’agricoltura

In contemporanea, dal 12 al 14 marzo, la Mostra dell’Agricoltura e il Mo.Me.Vi.

Alle soglie della primavera, come oramai da tradizione, il Centro Fieristico Provinciale di Faenza (Ra) si appresta ad ospitare due importanti eventi legati al mondo dell’agricoltura: la Mostra dell’Agricoltura, che in questo 2010 festeggia addirittura la 73esima edizione, e il MO.ME.VI., la Mostra della Meccanizzazione in Vitivinicoltura, che di edizioni ne conta comunque 34. L’appuntamento con il doppio evento è fissato nei giorni di venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 marzo.

Si tratta di due eventi oramai consolidati, come si può desumere anche dall’elevato numero di edizioni che hanno raggiunto, che hanno attraversato diverse “stagioni” del panorama agricolo regionale. Per renderli ancora più vicini alle esigenze del mondo agricolo d’oggi, Faenza Fiere, la società che gestisce il Centro Fieristico manfredo e che organizza direttamente questo doppio appuntamento, ha ritenuto importante allargare la schiera dei settori da coinvolgere. Ai tradizionali settori riservati ai produttori di mezzi e servizi per l’agricoltura, sempre presenti in maniera significativa, anche in questo 2010, dopo la positiva esperienza dello scorso anno, ci saranno una serie di iniziative per coinvolgere direttamente anche gli agricoltori e il pubblico degli amanti del mangiare sano.

La parte espositiva
La Mostra dell’Agricoltura ha una dimensione sufficientemente equilibrata fra macchinari, prodotti e servizi esposti e il visitatore può con agio valutare, osservare nei dettagli e informarsi dagli espositori sulle caratteristiche dei prodotti presentati. L’evento manfredo, infatti, rappresenta il momento di scambio e incontro tra diversi settori della stessa filiera: attrezzature e materiali per la frutticoltura e per le coltivazioni a pieno campo, prodotti per la gestione aziendale e proposte delle società di servizi. La maggioranza delle aziende espositrici realizza i propri prodotti su scala artigianale, utilizzando le tecnologie più avanzate, e questo permette elasticità di produzione e capacità di soddisfare le articolate richieste della clientela.
La notorietà e l’apprezzamento del MO.ME.VI. risiede nel fatto che per prima a livello nazionale ha sviluppato il concetto di filiera, partendo cioè dal vigneto e dalle sue esigenze, tenendo in considerazione tutti gli aspetti della produzione vitivinicola fino ad arrivare alla bottiglia di vino. Inoltre, il MO.ME.VI. è stata la prima manifestazione a puntare decisamente sulla meccanizzazione della viticoltura, soprattutto per quanto riguarda la vendemmia e la potatura alle quali si sono poi affiancate tutte le altre lavorazioni del vigneto oggigiorno quasi completamente meccanizzabili.

Anche quest’anno la fiera sarà arricchita dal “Il Mercato dei Contadini” dove le aziende multifunzionali della provincia si presenteranno e venderanno i loro prodotti e servizi. Completeranno la manifestazione laboratori di cucina tradizionale e seminari.

Orari di apertura: venerdì ore 16 – 21, sabato ore 9 – 21, domenica 9 – 19
Ingresso gratuito.Per informazioni: Faenza Fiere srl tel. 0546 621111

www.faenzafiere.it


Fiera Milano: chiude il Macef con 90 mila visitatori

Ultimo giorno dell’88esima edizione del Macef, il Salone Internazionale della casa. Incremento del 12% di operatori qualificati del mondo della distribuzione (in forte crescita gli italiani, stabili gli esteri) e oltre 90mila visitatori.

“Dopo i segnali positivi sulla ripresa dei consumi provenienti dagli acquisti di Natale – commenta Enrico Pazzali, amministratore delegato di Fiera Milano – evidentemente il mondo della distribuzione ha acquisito fiducia e sente adesso l’esigenza di tornare ad investire. Per il mondo della casa, che in Macef trova il momento ideale per proporre le novita’, si affaccia dunque l’ipotesi di una ripresa significativa”.

Da sottolineare il fatto che una parte cospicua dell’incremento dei visitatori di Macef provenga dal mondo italiano della distribuzione.

Questo, secondo Pazzali, conferma “i non pochi segnali dai quali risulta come l’Italia, nella presente fase congiunturale, stia producendo risultati economici al di sopra della media europea”. Altrettanto significativo il fatto che i visitatori italiani provenivano in buon numero non solo dalle piu’ ricche e contigue regioni del nord ma anche dal centro e dalle regioni meridionali.

Per maggiori informazioni consultare:

www.macef.it


Expo Ischia

Per il ventennale la voglia e l’impegno di creare emozioni si è ancora di più accentuata, consolidandosi sempre di più come “l’unica grande fiera d’estate” dell’isola d’Ischia. Come già dal lontano 1991, la fiera di Ischia rappresenta un polo ed un momento di happening cruciale per l’estate sull’isola verde.
Tutti i successi delle scorse edizioni ci concedono l’entusiasmo per andare avanti sempre con la costante voglia di crescere. L’area espositiva, sia interna al Palasport F.Taglialatela che nei giardini dello Stadio “Enzo Mazzella”, unita alla rigorosa selezione degli espositori ed alla minuziosa cura dei dettagli estetici creano un’atmosfera magica. Da tanto tempo, la fiera è una tappa fissa dell’estate ischitana e campana.
Un evento che, nel panorama delle fiere italiane, rappresenta sempre la novità, dal punto di vista del settore commerciale e di quello degli spettacoli . Ischia, la più grande delle isole dell’arcipelago campano, conta nel mese di Agosto ben 6 milioni di presenze, italiane e straniere, una platea d’eccezione per il vostro “business”.La fiera degli eventi, dello shopping e dell’estate. Negli anni, Expo Ischia, è riuscito a catalizzare l’attenzione dei tanti ospiti dell’isola con eventi di grande richiamo.
Ogni anno cresce il cartellone degli eventi. Ospiti di rilievo, protagonisti della moda, eventi eccezionali si uniscono agli appuntamenti consolidati delle selezioni dei concorsi di bellezza di maggior rilievo e del Padiglione “Fiesta Latina” dove ogni sera, grandi e piccini si esibiranno in calienti balli sudamericani. Il “Festival dei Sapori”, inoltre, sta già aspettando i suoi clienti per iniziare un percorso alla scoperta dei più buoni sapori d’Italia… grazie all’ausilio di una pentola di rame del diametro di due metri che ci concede la possibilità di poter effettuare tutte le sere il ” Festival delle sagre dei prodotti tipici”.


Fiera di Padova: chiuso il Padova Bike Expo Show 2010

Va in archivio, con il tradizionale abbraccio del pubblico delle grandi occasioni, il Padova Bike Expo Show 2010. Giunta alla sua sedicesima edizione, la manifestazione organizzata da PadovaFiere Spa ha dimostrato di essersi definitivamente ritagliata uno spazio tra i più importanti eventi motoristici nazionali.
Sono stati decine di migliaia i visitatori che hanno letteralmente invaso i nove padiglioni del quartiere fieristico nel corso del weekend, trovando tra i 70.000 mq di aree coperte ed i 10.000 mq di aree scoperte un vastissimo programma di eventi, premiere internazionali ma, soprattutto, la professionalità e la passione di centinaia di espositori, che hanno saputo dato risposte concrete ad un pubblico esigente.

“La sedicesima edizione del Bike Expo Show – ha dichiarato Paolo Coin, Direttore Generale di PadovaFiere Spa – è la seconda puntata di un evento completamente ripensato e che punta a recuperare i valori e l’identità che nel tempo hanno dato vita ad una manifestazione assolutamente unica nel suo genere.
La capacità di miscelare le tinte forti del mondo custom a quelle più generaliste ma non meno genuine della “passione moto” fanno e faranno sempre più di Padova l’appuntamento che apre la stagione internazionale dei bikers.”
“Le relazioni internazionali che stiamo definendo – aggiunge Coin – consolideranno il ruolo del Bike Expo Show di Padova come protagonista del mondo custom e del mototurismo, che ha avuto proprio qui il suo battesimo fieristico.”

L’appuntamento con il Padova Bike Expo Show è ora fissato al 2011. Naturalmente a Padova, come sempre.

Foto scaricabili su: www.flickr.com/photos/padovafiere/sets/72157623220318274