Archivi giornalieri: Aprile 8, 2009

IL NUOVO CONCORSO SI PRIMAVERA: PIU’ COINVOLGIMENTO DEL PUBBLICO E BUONI AFFARI

Un maggiore coinvolgimento del pubblico, buoni affari e divertimento sono state le caratteristiche vincenti di Primavera 2009, quarantesima edizione della campionaria che ha affollato il quartiere fieristico genovese per dieci giorni e dieci sere a partire da venerdì 27 marzo.

“Il grande lavoro di preparazione finalizzato ad ampliare i contenuti di Primavera ha dato i suoi frutti – sottolinea Paolo Lombardi, presidente di Fiera di Genova SpA – e ci conferma sulla scelta di rendere l’evento sempre più una kermesse per gli acquisti e per passare il tempo libero in maniera intelligente”. Grazie all’utilizzo del nuovo padiglione B, dove è stata concentrato il settore Casa, e agli spazi – a terra e in mare – dedicati a Mare e Nautica, la novità di quest’anno, Primavera è cresciuta quantitativamente e qualitativamente. Il bilancio è positivo con oltre 250mila presenze registrate in dieci giorni, grazie a un mix espositivo di grande appeal con i settori dedicati alla casa, ai motori, al tempo libero, all’enogastronomia, al florovivaismo e un’offerta di spettacoli e sport che ha spaziato dai fuoristrada al calcio, dallo sci alla vela e alla subacquea.

Generale clima di soddisfazione tra gli oltre 500 espositori, che hanno registrato un buon livello di affari conclusi e di contatti intrapresi. Premiate le vendite di prodotti a “Prezzo Fiera”, cioè con lo sconto garantito e dichiarato preventivamente, e le offerte speciali, così come sono stati apprezzati i servizi complementari come le progettazioni e i preventivi dettagliati nel settore degli acquisti per la casa, delle auto e dei camper. Positivo l’esperimento di Mare & Nautica che ha potuto contare sulla collaborazione di Ucina per le iniziative di “Navigar m’è dolce; per l’edizione 2010 Fiera intende rafforzare il settore affinandone il lay out e la logistica.

Isabelle Raoul della Safim di Marsiglia, coordinatrice dell’area della Provenza e di Artisanat du Monde, e Laura Boasso, coordinatrice delle aziende associate a Cna sottolineano: “Le nostre aziende hanno lavorato bene e ci sono già stati riscontri oggettivi, abbiamo già conferme per il prossimo anno e contiamo di coinvolgere un numero ancora più ampio di associati”. Secondo Giorgio Schenone, presidente dell’ Associazione Mobilieri di Ascom-Confcommercio : “Il nuovo padiglione B è risultato assai gradevole sia per gli espositori che per i visitatori. I mobili sono stati valorizzati da un ambiente elegante e da un’atmosfera soft che ha agevolato i contatti e visite più accurate, l’interessamento è stato di buon livello.” Aldilà delle aspettative il risultato ottenuto nel settore auto e moto dove è andato bene il nuovo, rinvigorito dai nuovi incentivi per la rottamazione, ma dove anche l’usato ha mostrato interessanti segnali di ripresa. Nel settore abbigliamento sintetico ma significativo il commento del presidente del Consorzio Finbum Ascom Gianni Prazzoli: “Più gente, più acquisti”.

Il prossimo appuntamento in fiera è dal 15 aprile al 5 maggio con il grande ritorno del Trofeo Ravano che celebra la sua venticinquesima edizione affiancando al calcio per la prima volta il basket, il volley e il rugby. Cuore del Trofeoo sarà il Palasport che ospiterà il campo in erba sintetica testato a Primavera con i tornei di calcio e rugby organizzati da Csi Liguria. Dal 17 al 20 aprile occhi puntati su Slow Fish – Buono, pulito e giusto, la rassegna dedicata al mondo del pesce e della pesca sostenibile organizzato da Slow Food e Regione Liguria. Quattro giorni per imparare a conoscere e degustare i prodotti ittici salvaguardando il futuro dei nostri mari.


EDILTIRRENO – MUTAMENTI PROFONDI PER IL MERCATO DELL’EDILIZIA

Previsto un aumento delle ristrutturazioni; i rivenditori devono selezionare la clientela, puntare su qualità e servizi nell’ambito di aggregazioni con grandi gruppi. Le valutazioni fornite durante il salone Ediltirreno Expò che si è concluso a CarraraFiere. Valutazioni positive degli organizzatori per numero e qualità dei visitatori e delle aziende presenti.

Il comparto dell’edilizia, in Italia, si basa sull’attività di oltre ottomila rivenditori con un “valore della produzione” valutato in oltre 195 miliardi di euro nel corso del 2008 che avranno una contrazione di circa 3,5 miliardi nel corso del 2009. Per tutto il 2009 si prevede una diminuzione del fatturato mentre si attende una ripresa dell’attività edile nei primi mesi del 2010.

Sono solo alcune delle cifre fornite da Samuele Grioni, direttore de “Il Giornale del Rivenditore Edile” nell’intervento di apertura di un Convegno/Talk Show sulla Distribuzione Edile che si è svolto a CarraraFiere nella giornata conclusiva di Ediltirreno Expo.

Il comparto, per il quale si prevede uno sviluppo legato principalmente alla ristrutturazione che avrà una quota stimata del 59% del valore globale, affronta un periodo molto complesso e le stime relative al suo andamento diffuse dai principali istituti di ricerca devono essere costantemente aggiornate. Le valutazioni di Grioni, di fronte ad un pubblico di operatori specializzati, sono state molto precise: ”la crisi di mercato può diventare un’opportunità perché in momenti come questi le aziende hanno necessità di reagire e possono farlo migliorando il servizio, il rapporto con la clientela, selezionando i partner commerciali e facendo sistema. Nel resto dell’Europa la distribuzione di prodotti per l’edilizia – ha detto nell’intervento – si basa, per l’80% del fatturato, sull’attività di pochi grandi gruppi che sono in grado di sostenere i prodotti con prezzi concorrenziali e con forti azioni di marketing. In Italia abbiamo una situazione rovesciata con una grande polverizzazione. Ma se fino a pochi mesi fa la strada dell’aggregazione era considerata un’ipotesi oggi diventa una strada obbligata che ci fa avvicinare ad un’organizzazione di modello europeo”. Su questa materia i numeri parlano chiaro: ci sono ben 230.000 concessioni edilizie assegnate ma non utilizzate mentre sono due milioni e seicentomila le abitazioni non in regola con le normative che riguardano sicurezza e risparmio energetico. Quest’ultimo costituisce un grande mercato che mostra segnali di risveglio, a differenza di quello delle nuove abitazioni e, per sopravvivere, il comparto deve sfruttarlo al meglio in attesa di una ripartenza generale per la quale occorre attendere il 2010 e, anche su questa ipotesi il dibattito è stato ricco e vivace.

Positive le valutazioni finali sul salone da parte di CarraraFiere che, assieme a Promofiere ha organizzato il Salone. “In una situazione di grande incertezza, come quella attuale, avere presentato oltre duecento aziende che hanno dimostrato di credere nel futuro di questo mercato e nella nostra manifestazione, è senza dubbio un successo. In attesa dei numeri finali – sono le valutazioni di Paris Mazzanti, direttore di CarraraFiere – possiamo anticipare che abbiamo riscontrato un’ottima presenza di professionisti, progettisti, imprenditori e distributori. Dunque il target richiesto dagli espositori di un evento specializzato. Siamo soddisfatti di questa seconda edizione nella quale è emerso che ci sono ampi margini di crescita, numerica e qualitativa dal punto di vista espositivo mentre il programma degli eventi ha risposto in pieno alle aspettative di aziende e professionisti “.