Archivio tag: Fiera del Levante

La fiera del Levante, Puglia

 

La “Fiera del Levante” in Puglia con oltre un milione di visitatori ogni anno, ripropone la cornice di Bari con eventi, degustazioni, piccoli spettacoli, sfilate, performance. Sempre più le aziende espositrici che provengono da tutta Italia, e sempre più diversificate per accontentare le esigenze di un pubblico eterogeneo.

E cì ci si troverà con una miriade di depliants che illustrano i servizi offerti: opuscoli, pubblicità, siti web, traduzioni, organizzazione e preparazione di materiale… E una volta tornati a casa si potrà riorganizzare il tutto e magari prendere contatti con l’azienda che realmente interessa.

 

Gli espositori sono circa duemila e avranno l’occasione per testare per esempio un nuovo mercato a cui destinare i propri prodotti andando direttamente a vedere che riscontro hanno i prodotti, e valutando da vicino la risposta del pubblico. Un’attenzione particolare è rivolta alle aziende interessate ai mercati esteri : la “Fiera del levante” può essere un’ottima opportunità per far conoscere il prodotto e nello stesso tempo farsi un’idea sul mercato in cui si ha intenzione di investire.

Per gli espositori, il ritorno in termini di pubblicità è alto, considerando che la risonanza mediatica di cui gode la Fiera del Levante può servire per introdurre alle masse un prodotto innovativo magari poco conosciuto.

 

Il settore agricolo, rappresenta un punto di incontro tra le diverse realtà economiche che si affacciano sul mediterraneo.

Per i “motori” e il settore arredamento, la Fiera del Levante rappresenta un ruolo di collante tra i mercati italiani e le realtà commerciali europee.

Il Salone dei beni di consumo, offre sempre una grande occasione per aprirsi a nuovi mercati .

Per quanto riguarda i prodotti d’artigianato nazionale, la fiera rappresenta un’importante occasione di crescita per le aziende operanti sul territorio e una concreta opportunità di promozione dei loro prodotti.

Un’area dedicata alle attrezzature per la ristorazione e la panificazione, serve per allacciare proficui scambi commerciali

Il settore delle tecnologie è dedicato soprattutto a Paesi che restano normalmente al di fuori dei grandi scambi internazionali.

 

La Fiera del Levante nel Salento è una grande vetrina che offre tante opportunità d’acquisto anche al pubblico di visitatori: anche per chi ha deciso di sposarsi troverà il settore dedicato al “giorno più bello” per realizzare i sogni dei futuri sposi.

PRESENTATA L’ANTIQUARIA, IN FIERA DAL 19 AL 22 MARZO

“Il settimo appuntamento de L’Antiquaria ci riporta alla storia, al bello, al gusto, alla cultura grazie ad una selezione rigorosa ed attenta di gioielli, dipinti, statue, mobili e tanti oggetti rari e preziosissimi, provenienti da diverse epoche e stili”: lo ha detto il presidente della Fiera del Levante, Cosimo Lacirignola, presentando la mostra mercato dell’antiquariato e del collezionismo, in programma dal 19 (con inaugurazione alle 11) al 22 marzo (orario continuato dalle 10 alle 21).

“La manifestazione – ha aggiunto – è molto importante sia dal punto di vista commerciale che da quello culturale perché, in un periodo di difficoltà globale, valorizzerà le aziende specializzate, stimolerà lo sviluppo economico del nostro territorio e fornirà un privilegiato punto di incontro per appassionati, collezionisti e semplici curiosi, contribuendo così alla diffusione dell’educazione all’arte e al bello”.

Gli ha fatto eco Antonio Catalano (della Metropolis Events), coordinatore e direttore della rassegna: “In una fase di crisi il migliore investimento è l’arte perché consente di recuperare la nostra storia. Anche quest’anno L’Antiquaria, che si colloca al terzo posto in Italia e al primo nel Sud, ospiterà un centinaio di illustri espositori e merce di qualità con l’intento di confermare le 20.000 visite ottenute nel 2008 e di ottenere lo stesso gradimento da parte di critici, mercanti dell’arte e non addetti ai lavori”.

E sono davvero tanti ad essere “contagiati” dalla passione per questo mondo. Secondo un recente sondaggio, infatti, sono ben 50.000 gli italiani che negli ultimi tre anni hanno effettuato l’acquisto di un oggetto antico. Del resto avvicinarsi all’antiquariato vuol dire tentare di cogliere il rapporto che c’è tra storia e stile. Un rapporto che in Fiera troverà la sua naturale ed ideale collocazione.

Tra i galleristi da segnalare la presenza di Michele Bonassia, barese doc e conosciuto a livello internazionale, il quale metterà in esposizione e in vendita pezzi inediti e pregiati tra cui due di De Nittis, uno di Giaquinto e diverse rappresentazioni di battaglie.


LEVANTE PROF, OTTIMI RISULTATI RAGGIUNTI NEI 4 GIORNI DELLA MANIFESTAZIONE IN FIERA

“La focaccia non è un semplice alimento ma un fattore di identità della nostra città. Trasformarlo anche in uno strumento che crei occupazione e attragga investimenti e turismo si può fare. Il Comune, se sarà possibile, sosterrà la cordata che ne chiede il riconoscimento IGP (indicazione geografica protetta, ndr). Ci auguriamo che questo percorso si concluda entro il 2015 in modo da poterlo presentare all’esposizione universale di Milano assieme alle altre nostre eccellenze agroalimentari”: lo ha detto il sindaco di Bari, Michele Emiliano, intervenendo in un incontro svoltosi nell’ambito di Levante Prof, il Salone nazionale della panificazione, pasticceria, gelateria, pizzeria, birra, vini, bar, ristorazione, pasta fresca, pubblici esercizi & hotel, che ha chiuso i battenti alla Fiera del Levante dopo quattro giorni caratterizzati da un’eccezionale affluenza di pubblico e da ottimi risultati (15.000 operatori, oltre cento partecipanti ai concorsi internazionali di pizzeria e gelateria, delegazioni provenienti da Albania, Tunisia, Marocco, Grecia, Polonia, Romania e Bulgaria).

Il primo cittadino ha accolto la proposta lanciata dal presidente di Confcommercio Bari, Alessandro Ambrosi, relativa all’istituzione di una sagra della focaccia barese: “La organizzeremo a maggio”. Ambrosi ha, poi, ricordato l’importanza del comparto dei panificatori, anche in termini di pil: “Dietro il pane ci sono una professionalità enorme e una tradizione da tutelare. Con la nostra manodopera e i macchinari all’avanguardia possiamo porci come interlocutori di riferimento per i Paesi dell’Est”. Gli ha fatto eco Giovanni Di Serio, vicepresidente dell’Assipan di Bari: “Con il riconoscimento dell’Igp la ricetta della nostra focaccia sarebbe tutelata assieme a tutta la filiera”.

A Giovanna Tantillo, docente del controllo di sicurezza degli alimenti alla Facoltà di Veterinaria dell’Università di Bari, il compito di spiegare i meccanismi tecnici: “Ottenere la certificazione comunitaria permetterebbe di non manipolare la produzione della focaccia di Bari, per la quale vanno fissate specifiche modalità di preparazione e determinati ingredienti: lievito fermentato, olio extravergine d’oliva, olive, pomodoro e farina pugliesi. Il percorso è lungo ma non impossibile se ci sosterrà la politica e se ci sarà un accordo di filiera”.

Levante Prof tornerà tra due anni nella prima settimana di Quaresima. L’obiettivo, come sottolineato da Ezio Amendola, presidente di D. M. Publiespo e organizzatore della manifestazione, è di raddoppiare gli spazi e assicurarsi la presenza del 30-35% in più di aziende.


CAMPEGGI E CAMPER, TUTTE LE NOVITA’ A EXPOLEVANTE

Campeggio, caravanning, case prefabbricate: l’edizione 2009 di Expolevante, in programma alla Fiera del Levante dal 16 al 19 aprile (orario dalle 10 alle 22, ingresso gratuito), soddisferà, tra gli altri, gli amanti della vacanza in libertà. Merito di una vasta ed aggiornata esposizione di camper, caravan, tende, accessori, case mobili, attrezzature e tutto ciò che serve per il turismo itinerante e all’aria aperta.

Oggi, peraltro, rappresenta un luogo comune l’idea che il campeggio sia sinonimo di vacanza spartana, fatta di rinunce e adatta solo a chi ha spirito di adattamento e sacrificio. I campeggi dei nostri tempi, infatti, sono ideali anche per i palati più esigenti e riescono a proporre comfort e qualità in tenda, bungalow o casa-mobile. Alcune di queste ultime sono dotate di aria condizionata e dispongono di grandi terrazze in legno mentre le tende da campeggio a casetta sono spesso completamente arredate e lussuose, con letti di confezione olandese di fattura stabile, materassi in schiuma di lattice che mantengono fresca la temperatura corporea e molle rafforzate sui due lati.

Nell’evoluzione del mercato e delle preferenze dei turisti stanno riscuotendo sempre più successo i camping resort, dotati di un alto tasso di comfort ma sempre a contatto con la natura, e i camping adventure, adatti a chi pratica e ama gli sport. E, in un paese a forte vocazione turistica come l’Italia, il comparto del turismo all’aria aperta, che ha superato i 64 milioni di presenze, è molto importante per l’economia nazionale. Dei quasi 12 milioni di turisti italiani e stranieri che ogni anno scelgono il nostro Paese per trascorrere una vacanza all’aria aperta e a diretto contatto con la natura, ben 8 milioni utilizzano i campeggi e villaggi turistici presenti sull’intero territorio nazionale.

Dalle ultime cifre disponibili risulta che campeggi e villaggi italiani hanno prodotto un fatturato annuo di circa 2,3 miliardi e danno lavoro a circa 43.000 addetti. Negli ultimi anni la permanenza media dei turisti all’interno dei campeggi italiani è stata di circa 8 giorni. I turisti italiani si fermano mediamente ben due giorni in più rispetto ai turisti stranieri (9 giorni contro 7). Il 55% degli arrivi è formato da italiani, il restante 45% da stranieri. Negli ultimi dieci anni sono cresciute soprattutto le presenze dall’Est europeo (Russia, Repubblica Ceca, Polonia ed Ungheria) e da Paesi d’oltreoceano (Canada, Stati Uniti, Giappone e Australia). Quello del turismo ‘open air’ è un settore dinamico e vincente sui mercati europei grazie alla qualità dei prodotti offerti. Non è solo un fenomeno economico, ma anche sociale, perché genera aggregazione e tendenze. In campeggio è più facile socializzare: condividere strutture e spazi porta a vivere in un clima disteso e di massima apertura alle nuove amicizie.

Appuntamento, allora, con tutte le novità del settore ad Expolevante, che riserverà ampio spazio anche alla cultura, all’arte, alla nautica, alle attività subacquee, alle attrezzature per la pesca sportiva, agli articoli ed arredamenti per esterni, alle piscine, al gardening, al mondo dei motori, all’arredamento, all’antiquariato, agli hobby e ai videogiochi.