MUSICA, DANZA, SPETTACOLI E SHOPPING AL SALONE DEL CAVALLO AMERICANO

Per cavalieri e appassionati da tutta Europa è di gran lunga uno degli appuntamenti agonistici più importanti della stagione, con gare ai massimi livelli e con un montepremi da favola, che in totale ammonta a 320mila euro. Per gli amanti dell’ american way of life è la vetrina più prestigiosa e l’appuntamento più irrinunciabile della stagione, nel quale immergersi per una cinque giorni di festa a stelle e strisce. Per chi, invece, non ha mai nemmeno visto un cavallo da vicino, è l’occasione per godersi una festa divertentissima, adatta a tutte le età, famiglie e bambini compresi.

È il Salone del Cavallo Americano che per la 22esima volta sbarca alle Fiere di Reggio Emilia dal 13 al 17 maggio portandosi dietro numeri da capogiro. I cavalli, innanzitutto, che saranno addirittura 1.200, impegnati in un totale di 83 gare. Da quelle più tecniche, come il reining – la disciplina di monta western entrata anche nel novero degli sport olimpici – a quelle invece che puntano sulla spettacolarità: il pole e il barrel, gare nelle quali cavalli e cavalieri corrono a tutta velocità zigzagando in un percorso stabilito. O ancora, il cutting, spettacolare disciplina che trasforma in gara il lavoro dei cowboy alle prese con una mandria di scalpitanti vitelli.

LA FESTA DEI GRANDI…

Ma, al di là delle spettacolari manifestazioni, il Salone del Cavallo Americano è anche e soprattutto una grande e divertentissima festa per il pubblico, famiglie incluse. Ogni giorno saranno in funzione i ristoranti con menù tipicamente tex-mex, ma anche i bar nei quali gustare freschissimi cocktail o birre a stelle e strisce. E sarà la musica a farla da padrone, con le maratone di line dance (il tipico ballo di gruppo dei cowboy dai passi semplicissimi, nei quali tutti si possono cimentare con grande divertimento), oppure con i concerti dal vivo dei migliori gruppi italiani e con le stelle americane del firmamento country e western, che ogni sera arriveranno in esclusiva al Salone di Reggio Emilia. A ancora la maratona di danza country, gli stage con Ron Welters, il miglior ballerino della Western Foundation, i concerti giornalieri del pianista Hermann, la animazioni legate alla danza e alla musica, le esibizioni equestri e la grande passerella conclusiva, che metterà a confronto le diverse razze di cavalli americani.

…E QUELLA DEI BAMBINI

Ma il Salone del Cavallo Americano è anche un grandissimo e divertentissimo parco giochi per bambini a cielo aperto. Ritorna, anche in questa edizione, l’appuntamento con il battesimo della sella: in un percorso sicuro e controllato, i bambini potranno salire per la prima volta in groppa ad un cavallo, in perfetta sicurezza e sotto lo sguardo vigile di addetti esperti e preparati. Ma i bimbi potranno anche divertirsi guardando Pat Parelli (l’originale “Uomo che sussurrava ai cavalli”) che riesce a comunicare con i cavalli e a far loro eseguire ogni mossa desiderata solo con lo sguardo, la voce e la postura del corpo. O ancora, grande divertimento con le scenette western, con duelli e scazzottate realizzate da attori professionisti, i giochi con il lazo dell’indiano Takahoma, che si presenta con pony e teepee. Senza dimenticare tutte le esibizioni, le dimostrazioni di abilità a cavallo studiate apposta per intrattenere il pubblico dei più giovani, facendo divertire anche mamma e papà.

IL FAVOLOSO SPETTACOLO EQUESTRE

È probabilmente l’attrazione più gradita al pubblico, ed è sicuramente l’attrazione più spettacolare di tutto il Salone. Ogni sera alle 21,30, con gran finale domenica 17 alle 15, i più bei cavalli di tutte le razze americane si esibiranno in uno spettacolo altamente coinvolgente e di grande impatto. Una passerella per gli esemplari più belli impegnati in acrobazie, giochi, per un divertimento mozzafiato adatto ad un pubblico di ogni età. Coreografie incredibili, movimenti perfetti e, su tutto, l’eleganza straordinaria di cavalli e cavalieri. Una performance assolutamente da non perdere.

MA QUELLO NON E’…

Mamma e papà che avranno sicuramente il loro bel daffare per intercettare tutti i vip che ogni anno passano dal Salone del Cavallo Americano di Reggio Emilia. Michael Schumacher, ad esempio, è un habitué. Da quando è diventato titolare di una scuderia, sono la moglie Corinna e le figlie del campione della Ferrari a sfrecciare in pista e ogni anno Michael viene avvistato nell’arena. Ma sono tantissimi i volti noti del cinema, dello sport o della tv che negli anni scorsi hanno visitato il Salone: Amadeus, Pietro Taricone e tantissimi altri sono stati contagiati dalla febbre da cavallo americano.

IT’S TIME FOR SHOPPING: IL WESTERN STORE

Ma il Salone del Cavallo Americano è anche sinonimo di shopping: con gli oltre 163 stand commerciali del Western Store, l’appuntamento alle Fiere di Reggio Emilia è imperdibile per chi abbia voglia di portarsi un po’ di America a casa. Che sia l’attrezzatura per il cavallo, che al Salone è rappresentata ai massimi livelli, oppure un’automobile o addirittura un pick-up. Oppure, più semplicemente, un paio di stivali texani doc, jeans, camicie, abbigliamenti e accessori in genere. O anche oggettistica: ad ogni angolo del Salone c’è un’occasione per ogni gusto e per ogni tasca, ed un pezzetto di quello stile di vita a stelle e strisce che è possibile mettersi addosso oppure portare a casa.

www.salonedelcavallo.com


Comments

comments