Peter Fill all’inaugurazione di Prowinter 2009

All’inaugurazione della fiera bolzanina per gli sport invernali sarà presente il vice-campione del Mondo in SuperG.
Mercoledì 15 aprile nel settore C all’interno dei padiglioni della Fiera Bolzano sarà inaugurata alle ore 11.00 la nona edizione di PROWINTER, fiera internazionale specializzata nel noleggio e nei servizi per gli sport invernali.
Saranno presenti il Presidente della Giunta provinciale, Luis Durnwalder, il Presidente della Federazione Italiana Sport Invernali, Giovanni Morzenti, il Presidente di Fiera Bolzano, Gernot Rössler e Peter Fill, il vincitore della medaglia d’argento agli ultimi Mondiali in Val d‘Isère. Durante l’inaugurazione, il ventiseienne di Castelrotto verrà premiato da Durnwalder e alle ore 16.30, presso il PROWINTER-Forum, al neo vice-campione del Mondo in SuperG verrà consegnato il “Gran Premio Pool” come miglior atleta italiano della stagione 2008/2009.

“Prowinter”, unico appuntamento in Italia per il settore degli sport invernali è alle porte e gli imprenditori, i manager e gli operatori del settore del noleggio e dei servizi non perderanno l’occasione per tenersi aggiornati e per concordare affari per la prossima stagione invernale. Dal 15 al 17 aprile Fiera Bolzano con “Prowinter” offrirà vitali occasioni di business per tutto il comparto.

Che la stagione stesse riservando soddisfazioni a tutti gli operatori coinvolti nel mondo degli sport della neve era percezione diffusa. Ora a confermarne l’ottimo andamento ci sono anche i dati ufficiali. Il Censis (Istituto di ricerca socioeconomica italiana) nel suo recentissimo “Diario dell’ inverno di crisi” conferma che: “La stagione invernale ha registrato un 6% in più di presenze in montagna rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Certo, si tratta di un segmento medio/alto e di un pubblico di appassionati, ma la settimana bianca resta comunque un’abitudine che si vuol mantenere a prescindere dalla crisi. Magari si risparmia sui fattori accessori, va diffondendosi una certa oculatezza nelle spese, ma l’impressione è che alla qualità della vita non si voglia rinunciare”. I risultati positivi non indurranno comunque gli imprenditori, i manager e gli operatori più avveduti a dormire sugli allori: le sfide di un mercato meteo-dipendente come quello degli articoli sportivi invernali si rinnovano di anno in anno. In Italia le vitali occasioni di business e aggiornamento per queste categorie professionali sono rappresentate da Prowinter, il più importante appuntamento fieristico di settore. L’edizione 2009 (la nona) è imminente: i cancelli si apriranno martedì 15 aprile a Fiera Bolzano per consentire di consolidare le basi per nuovi futuri successi. Le prenotazioni degli spazi hanno seguito il positivo trend stagionale: tutte i brand più importanti dei comparti dell’attrezzo, del noleggio e dei servizi correlati saranno presenti, oltre a un’ottima rappresentanza di aziende di abbigliamento e accessori.
Di grande spessore anche gli immancabili appuntamenti informativi collaterali. Quest’anno sotto i riflettori un convegno che avrà per oggetto la campagna promossa dalla FIS “Bring kids back to the snow”. Disquisiranno sull’importanza di promuovere lo sci tra le fasce più giovani della popolazione relatori del calibro di Erich Demetz, presidente della
Coppa del Mondo di sci alpino, Maurizio Di Trani, direttore comunicazione del Gruppo Tecnica, Christoph Engl, direttore di Alto Adige Marketing, Wolfgang Oebelsberger, assessore all’educazione nel nord Tirolo in Austria, Franz Perathoner, direttore generale del consorzio Dolomiti Superski e Riikka Rakic, communication manager della FIS. Moderatore Erwin Stricker, noto ex campione, imprenditore e consulente FIS.
Nel corso della manifestazione, sul palco predisposto all’interno del padiglione, si alterneranno molti altri influenti personaggi che approfondiranno i temi più attuali nel corso di forum, conferenze stampa e tavole rotonde. In calendario anche premiazioni promosse da prestigiose riviste di settore, nazionali e internazionali.
Sono attesi oltre 5.000 qualificati visitatori accumunati da un lieto destino: appartenere a un mondo fino ad ora immune dagli effetti della crisi globale.


Comments

comments