Archivi giornalieri: marzo 12, 2009

Grande fermento per “Energyblot”, Salone delle energie rinnovabili e del risparmio energetico in programma dal 16 al 19 Aprile all’Expoblot

expoblot

Fervono i preparativi per la prima edizione di “Energyblot”, Salone delle energie rinnovabili e del risparmio energetico in programma all’Expoblot, il nuovo polo fieristico di Caresanablot, seconda struttura permanente in Piemonte.

Un’importante manifestazione dall’argomento attuale che si focalizza sul grande tema delle energie, presentando ai visitatori i sistemi, le tecniche, le opportunità legate all’utilizzo di fonti energetiche alternative e rinnovabili in un panorama attuale che vede un crescente interesse verso le tematiche energetiche contribuendo a promuovere il comparto produttivo e favorendo al contempo la conoscenza delle potenzialità di un sistema sostenibile.

Tante già le aziende, provenienti dai settori più disparati, che stanno aderendo a questa iniziativa che è alla sua prima edizione ma che ha già raccolto un ampio consenso da parte non solo degli espositori ma anche delle Istituzioni locali in primis dalla Regione Piemonte la quale, con il progetto “Uniamo le energie”, continua la sfida per raggiungere gli obiettivi dettati dalle politiche europee per la riduzione dei consumi di energia primaria, per l’abbattimento del livello dei gas serra e per la copertura almeno del fabbisogno mediante l’uso di fonti rinnovabili.

Grazie alla collaborazione con importanti partner, particolarmente ricco di contenuti sarà il programma degli eventi con una serie di convegni, seminari e workshop a tutto tondo in tema di energia rinnovabile e sostenibile.

Le mattine del giovedì e del venerdì saranno dedicate alle scuole del Vercellese in visita al Salone; attraverso momenti di didattica ambientale e percorsi interattivi i ragazzi saranno coinvolti in laboratori ludico-pedagogici al fine di sensibilizzarli in tema di energie rinnovabili e risparmio energetico.

Il venerdì ospiterà il Convegno della Regione Piemonte e L’Associazione Italiana Pubblicitari Professionisti “Energia da realizzare, energia da comunicare”, che vedrà la partecipazione di esponenti politici e funzionari del dipartimento ambiente e energia.

Parte del convegno sarà rivolta ai temi della comunicazione della sostenibilità grazie al contributo di esponenti dell’Associazione Italiana Pubblicitari Professionisti .

Seguirà il Premio Tp 2009 “Comunicare la sostenibilità”, ideato proprio in seno alla sfida di “Uniamo le energie”.

Nel corso della premiazione saranno presentate le migliori case-history visionate dalla giuria di esperti.

Dalle 17.30 in poi, ampio spazio ai momenti culinari con degustazioni e aperitivi biologici.

La mattina del sabato in collaborazione con il Politecnico di Torino, si terrà il Convegno “Zero Energy House”: mito o realtà? centrato sul tema attuale della “casa passiva” in tutte le sue sfaccettature.

Interverranno relatori del Politecnico di Torino, Dipartimento Energetica.

Il pomeriggio avrà la partecipazione del Politecnico di Torino, dipartimento Energetica, che attraverso il Convegno “Energia, edifici ed enti pubblici: conoscere per agire” destinato ad un pubblico di amministratori, tecnici degli enti locali, amministratori metterà in luce l’importanza della conoscenza delle tematiche sul risparmio energetico per gli amministratori locali riguardo l’edilizia pubblica.

Saranno presenti le maggiori Autorità della Provincia ed i membri del Politecnico di Torino, Dipartimento di Energetica.

A seguire la tavola rotonda “Il ruolo della pubblica amministrazione per l’uso razionale dell’energia negli edifici” moderata dall’Ing. Stefano Paolo Corgnati.

Per tutta la giornata i padiglioni saranno aperti per le visite ai vari stand.

La domenica vedrà protagonisti i visitatori che, attraverso “Gli Sportelli Energia”, messi a disposizione nell’Area Multimediale in orari prestabiliti, troveranno risposta alle loro domande in tema di energie rinnovabili e risparmio energetico.

Infine saranno allestite un’aula multimediale, nella quale sarà creato uno spazio interattivo ed un’emeroteca, dedicata all’esposizione di libri e riviste dove poter creare anche momenti di incontro e dibattito sui principali argomenti trattati nel Salone.

Per aggiornamenti sul programma generale degli eventi collaterali consultare la pagina:

www.expoblot.com


Trieste – La Camera di commercio al Cruise Shipping Miami-SeaTrade

Per il terzo anno consecutivo l’Azienda speciale ARIES della Camera di Commercio di Trieste sarà presente con imprese regionali al “CSM- Cruise Shipping Miami-SeaTrade”. Anche quest’anno cinque imprese locali parteciperanno al principale appuntamento fieristico mondiale dedicato alle crociere e al mondo della produzione navale e nautica, in programma dal 16 al 19 marzo 2009. L’evento, che rappresenta la principale manifestazione nel comparto della cantieristica (in particolare quello croceristico), è riservato esclusivamente agli operatori specializzati e leader del settore delle crociere. In questa occasione oltre a 4 aziende triestine sarà presente anche una udinese coinvolta attraverso la Camera di Commercio di Udine presente anch’essa nello spazio espositivo predisposto da Aries. L’azione dell’Azienda speciale ARIES mira a mettere in risalto il comparto produttivo che a vario titolo partecipa alla realizzazione dei “giganti bianchi” del mare, supportando le imprese nella loro azione di internazionalizzazione e promozione all’estero. Nell’area del Padigilione Italia, organizzata dall’Istituto Commercio Estero, lo stand di Aries vedrà la partecipazione di alcuni /habitué/ della manifestazione e di alcune imprese che per la prima volta si affacciano a questa importante rassegna. Holiday Sas specializzata nella progettazione e produzione della segnaletica di bordo e F.Gurian Srl che progetta e installa impianti di refrigerazione, sono le imprese che da sempre partecipano all’iniziativa. R.S. Srl (società specializzata nella costruzione e manutenzione impianti antincendio, stazione di revisione zattere, scialuppe, gruppi autorespirato) e Pragotecna Spa (arredobagno, ceramiche e piastrelle) bissano l’appuntamento 2008, cui si aggiunge la Marmi Vrech di Cervignano, impegnata da anni nella realizzazione degli interni, dalle cabine alle zone comuni delle più importanti navi passeggeri. Alla presenza diretta delle imprese si affianca anche la Camera di Commercio di Udine, che si presenterà anch’essa alla manifestazione cercando di individuare le opportunità più interessanti per le imprese attive nel settore dell’arredo contract, dell’agroalimentare e anche della nautica. La loro presenza alla fiera è concomitante ad una serie di incontri con la comunità economica friulana e non nel capoluogo della Florida. “E’ una presenza importante – puntualizza Antonio Paoletti, Camera di Commercio di Trieste – auspicando che in quei giorni vi sarà forse l’opportunità per delineare un progetto camerale regionale pluriennale, in collaborazione con l’ICE, che possa aiutare a promuovere le imprese regionali verso gli armatori, cantieri e /main contractor/ attivi nel settore navale crocieristico e dei /mega yacht/, creando le dovute sinergie con chi si occupa di ricettività e di turismo e di portualità passeggeri, innescando un circuito virtuoso utile per lo sviluppo della nostra area”.

Camera di commercio di Trieste, Andrea Bulgarelli, e-mail: andrea.bulgarelli@ts.camcom.it


PRESENTATA L’ANTIQUARIA, IN FIERA DAL 19 AL 22 MARZO

“Il settimo appuntamento de L’Antiquaria ci riporta alla storia, al bello, al gusto, alla cultura grazie ad una selezione rigorosa ed attenta di gioielli, dipinti, statue, mobili e tanti oggetti rari e preziosissimi, provenienti da diverse epoche e stili”: lo ha detto il presidente della Fiera del Levante, Cosimo Lacirignola, presentando la mostra mercato dell’antiquariato e del collezionismo, in programma dal 19 (con inaugurazione alle 11) al 22 marzo (orario continuato dalle 10 alle 21).

“La manifestazione – ha aggiunto – è molto importante sia dal punto di vista commerciale che da quello culturale perché, in un periodo di difficoltà globale, valorizzerà le aziende specializzate, stimolerà lo sviluppo economico del nostro territorio e fornirà un privilegiato punto di incontro per appassionati, collezionisti e semplici curiosi, contribuendo così alla diffusione dell’educazione all’arte e al bello”.

Gli ha fatto eco Antonio Catalano (della Metropolis Events), coordinatore e direttore della rassegna: “In una fase di crisi il migliore investimento è l’arte perché consente di recuperare la nostra storia. Anche quest’anno L’Antiquaria, che si colloca al terzo posto in Italia e al primo nel Sud, ospiterà un centinaio di illustri espositori e merce di qualità con l’intento di confermare le 20.000 visite ottenute nel 2008 e di ottenere lo stesso gradimento da parte di critici, mercanti dell’arte e non addetti ai lavori”.

E sono davvero tanti ad essere “contagiati” dalla passione per questo mondo. Secondo un recente sondaggio, infatti, sono ben 50.000 gli italiani che negli ultimi tre anni hanno effettuato l’acquisto di un oggetto antico. Del resto avvicinarsi all’antiquariato vuol dire tentare di cogliere il rapporto che c’è tra storia e stile. Un rapporto che in Fiera troverà la sua naturale ed ideale collocazione.

Tra i galleristi da segnalare la presenza di Michele Bonassia, barese doc e conosciuto a livello internazionale, il quale metterà in esposizione e in vendita pezzi inediti e pregiati tra cui due di De Nittis, uno di Giaquinto e diverse rappresentazioni di battaglie.


LEVANTE PROF, OTTIMI RISULTATI RAGGIUNTI NEI 4 GIORNI DELLA MANIFESTAZIONE IN FIERA

“La focaccia non è un semplice alimento ma un fattore di identità della nostra città. Trasformarlo anche in uno strumento che crei occupazione e attragga investimenti e turismo si può fare. Il Comune, se sarà possibile, sosterrà la cordata che ne chiede il riconoscimento IGP (indicazione geografica protetta, ndr). Ci auguriamo che questo percorso si concluda entro il 2015 in modo da poterlo presentare all’esposizione universale di Milano assieme alle altre nostre eccellenze agroalimentari”: lo ha detto il sindaco di Bari, Michele Emiliano, intervenendo in un incontro svoltosi nell’ambito di Levante Prof, il Salone nazionale della panificazione, pasticceria, gelateria, pizzeria, birra, vini, bar, ristorazione, pasta fresca, pubblici esercizi & hotel, che ha chiuso i battenti alla Fiera del Levante dopo quattro giorni caratterizzati da un’eccezionale affluenza di pubblico e da ottimi risultati (15.000 operatori, oltre cento partecipanti ai concorsi internazionali di pizzeria e gelateria, delegazioni provenienti da Albania, Tunisia, Marocco, Grecia, Polonia, Romania e Bulgaria).

Il primo cittadino ha accolto la proposta lanciata dal presidente di Confcommercio Bari, Alessandro Ambrosi, relativa all’istituzione di una sagra della focaccia barese: “La organizzeremo a maggio”. Ambrosi ha, poi, ricordato l’importanza del comparto dei panificatori, anche in termini di pil: “Dietro il pane ci sono una professionalità enorme e una tradizione da tutelare. Con la nostra manodopera e i macchinari all’avanguardia possiamo porci come interlocutori di riferimento per i Paesi dell’Est”. Gli ha fatto eco Giovanni Di Serio, vicepresidente dell’Assipan di Bari: “Con il riconoscimento dell’Igp la ricetta della nostra focaccia sarebbe tutelata assieme a tutta la filiera”.

A Giovanna Tantillo, docente del controllo di sicurezza degli alimenti alla Facoltà di Veterinaria dell’Università di Bari, il compito di spiegare i meccanismi tecnici: “Ottenere la certificazione comunitaria permetterebbe di non manipolare la produzione della focaccia di Bari, per la quale vanno fissate specifiche modalità di preparazione e determinati ingredienti: lievito fermentato, olio extravergine d’oliva, olive, pomodoro e farina pugliesi. Il percorso è lungo ma non impossibile se ci sosterrà la politica e se ci sarà un accordo di filiera”.

Levante Prof tornerà tra due anni nella prima settimana di Quaresima. L’obiettivo, come sottolineato da Ezio Amendola, presidente di D. M. Publiespo e organizzatore della manifestazione, è di raddoppiare gli spazi e assicurarsi la presenza del 30-35% in più di aziende.